<We_can_help/>

What are you looking for?

Slide
edizione 2021

Sile Jazz inizia tra:

Sile Jazz 2021

The Green River

X edizione: 4 giugno – 25 luglio 2021.

Torna il Jazz sulle rive del fiume silenzioso: nei weekend di giugno e luglio si alza il sipario sul Festival Sile Jazz. 19 appuntamenti in 14 comuni e tre province, Treviso, Padova e Venezia, con la di new entry Jesolo.

Protagonisti di questa decima edizione sono la sostenibilità ambientale, le bellezze artistiche e naturali del territorio, insieme al grande Jazz internazionale che torna sulla scena: con FORQ, Barionda, ZZ Quartet, Thomas Siffling, Jussi Fredriksson Trio, Leonardo de Lorenzo, e molti altri.

La decima edizione di Sile Jazz è pronta a partire. Nei weekend dal 4 giugno al 25 luglio torna la rassegna di Jazz che porta la grande musica dal vivo lungo le sponde del fiume Sile.

19 concerti in 14 comuni tra le province di Treviso, Padova e Venezia, uniti dallo scorrere del “fiume silenzioso”: i comuni del trevigiano Quinto di Treviso, Casier, Silea, Roncade, Casale Sul Sile, Istrana, Morgano, Treviso, Mogliano Veneto, Vedelago, Zero Branco, Preganziol, fino a Padova con Piombino Dese, sfociando a Venezia, con la nuova partecipazione del Comune di Jesolo.

Grande musica, ambiente, sostenibilità, territorio: sono queste le parole chiave della decima edizione della rassegna, tutta da scoprire.

Un festival che non si è mai fermato e che ritorna anche nel 2021, riportando in Veneto la scena musicale internazionale con artisti da tutta Europa, tra cui Barionda (Italia/Austria/Argentina) Maris Briezkalns Quintet (Lettonia) Thomas Siffling (Germania) ZZ Quartet (Italia/Croazia/Germania/Slovenia) Jussi Fredriksson Trio (Finlandia), e dagli Stati Uniti con l’attesissima data dei Forq.

Insieme, come sempre, ad alcuni tra i migliori talenti italiani, come Solaris, Leonardo De Lorenzo, Luca Falomi, Max Trabucco, John de Leo, e giovani artisti (Anais Drago, EmAb Connection, Pericopes+1, Ferdinando Romano) protagonisti con progetti avventurosi e originali, che testimoniano la straordinaria stagione creativa del jazz italiano e l’attenzione costante del festival alle nuove proposte.